fbpx

Hai deciso di sostituire gli infissi e vuoi saperne di più sulle detrazioni fiscali infissi 2019?

In questo articolo ti spiegheremo come funziona la detrazione fiscale infissi 2019; in quali casi e per quanti anni potrai usufruirne, come effettuare i pagamenti e quali adempimenti fiscali sono necessari.

Iniziamo da qui: che cos’è la detrazione fiscale?

La detrazione fiscale è “l’importo che il contribuente può sottrarre dall’imposta lorda” (ossia il totale delle tasse sui redditi di cui si è debitori verso lo Stato)“. In altre parole corrisponde all’importo che lo Stato “sconta” dalle tasse da pagare. Se in questo periodo, approfittando del periodo primaverile, stai valutando la sostituzione dei tuoi infissi (finestre, persiane o avvolgibili), ti servirà sapere che la detrazione fiscale corrisponde al 50% del costo sostenuto per l’acquisto.

Quali spese sono comprese nel bonus fiscale infissi?

Il bonus infissi viene di norma concesso se vengono realizzati interventi che consentono di ottenere un miglioramento termico dell’edificio, ovvero finalizzati a migliorare l’efficientamento energetico della casa.

Rientrano anche in questo bonus la fornitura e posa in opera di:

  • finestre
  • porte d’ingresso
  • scuri, persiane, avvolgibili, cassonetti (se solidali con l’infisso) e suoi elementi accessori, purché tale sostituzione avvenga simultaneamente a quella degli infissi
  • zanzariere
  • tende da sole (a condizione che non siano orientate a nord)

Anche la sostituzione dei vetri rientra tra le spese agevolabili per il miglioramento delle caratteristiche termiche dei componenti vetrati esistenti.

In quanti anni è possibile approfittare di queste agevolazioni fiscali?

L’importo viene distribuito in 10 anni con rimborsi annuali di pari importo.

Detrazioni fiscale infissi: un esempio per entrare nello specifico.

Se arrivato a questo punto hai ancora dei dubbi, non devi preoccuparti. E’ del tutto normale. Non sono argomenti semplici. Ed è per questo che è fondamentale il supporto e la consulenza di professionisti degli infissi per essere certi di compiere correttamente tutti i passi.

Per questo, proviamo a calare la situazione in un esempio che ti permetta di comprendere meglio il funzionamento delle detrazioni fiscali infissi 2019.

  • Chiara e Luca hanno appena acquistato infissi nuovi per la loro casa al mare per il valore di 3.000€
  • La detrazione fiscale è del 50% ossia pari a 1.500€
  • Lo Stato restituisce alla giovane coppia 150€ all’anno per 10 anni.

Detrazione infissi 2019: le domande più frequenti

Esiste un limite massimo di spesa nell’acquisto dei serramenti?

La risposta è sì. Per il bonus fiscale ristrutturazioni la soglia da non superare è pari a 96.000.

Chi può beneficiare della detrazione fiscale infissi?

Possono beneficiare del bonus fiscale serramenti:

  • proprietari o nudi proprietari
  • locatari
  • comodatari
  • il familiare convivente
  • chiunque abbia un diritto di godimento (usufrutto, uso, abitazione o superficie).

Se vendo l’appartamento perdo il bonus serramenti?

Salvo diverso accordo tra le parti, viene trasferita per la parte residua non ancora utilizzata alla persona che acquista la casa. Nel caso invece di decesso, la detrazione passa all’erede, solo se questo abita nella casa interessata o vi trasferisce la residenza.

Sostituzione vetri finestre detrazione: se decido di sostituire solo i vetri, ho comunque diritto alla detrazione?

Si, anche la sostituzione dei vetri permette un miglioramento dal punto di vista termico dell’edificio. Quindi, rientrando nel bonus infissi, la sostituzione dei vetri dei serramenti è detraibile al 50%.

Posso usufruire del bonus infissi anche senza effettuare lavori di ristrutturazione?

Si, puoi usufruire del bonus sicurezza anche se non effettuerai lavori di ristrutturazione.